… E altre storie

domenica 14 agosto 2016

DOPO TANTO, UN LUNGHISSIMO


Dopo un'estate passata "corricchiando" ieri ho corso un lungo degno di questo nome: 19 km. di strada sterrata con diversi saliscendi. E' stata dura, ma sono arrivata in fondo, con la soddisfazione tutta personale di avercela fatta.
Per me, runner amatoriale, è importante mettere chilometri nelle gambe.
Tra una settimana parteciperò alla maratonina di Klaghenfurth e purtroppo non mi sono allenata come avrei voluto, ma aver corso una lunga distanza mi dà la serenità necessaria per augurarmi di concluderla senza incappare in qualche infortunio.
Riaffrontare la fatica di un allenamento impegnativo e renderti conto mentre stai correndo che ce la puoi fare ti da' una certa carica ... Poco importa se per farlo sacrifichi il sabato o se ti ritrovi a cenare alle dieci di sera in compagnia del tuo cane che aspetta solo di scendere per un'ultima passeggiate con te, mentre gambe e ginocchia reclamano unicamente il piacere di un divano.


Lo sport è impegno, fatica, costanza ... ma lo sport è anche gioia alla stato puro, soddisfazione, forza e mai come in queste giornate di Olimpiadi te ne puoi rendere conto.
Un "Brava" e un "Forza" particolare a Veronica Inglese che al suo debutto in un gara velocissima dei 10.000 metri, tanto veloce da segnare il nuovo record del mondo, è caduta ed ha avuto il coraggio di rialzarsi e di concludere la sua prova, in mezzo ad un pubblico urlante che incitava la nuova primatista Ayana, dimenticandosi delle altre trentasei atlete che correvano dietro di lei.
Veronica ha proseguito la sua gara, comunque felice di essere lì e orgogliosa di tagliare il traguardo.
Ed oggi appuntamento con la maratona femminile: Anna Incerti, che ho avuto il piacere di conoscere un paio di anni fa, Valeria Straneo e Catherine Bertone ci regaleranno tra poche ore altre emozioni.


giovedì 11 agosto 2016

FINALMENTE CORSA


Sono passate alcune settimane dal mio ultimo post, settimane difficili per gli allenamenti: qualche ripetuta, poche in verità, qualche lungo in relax, un paio di lunghissimi mal riusciti e un pomeriggio al pronto soccorso ... 
La meta si avvicina anche se non è mai stata così lontana in quanto a preparazione, ma proprio in questi giorni ho ritrovato il piacere delle uscite in gruppo: corse iniziate chiacchierando, dove il fiato impegnato per parlare ruba energia alla corsa, ma al tempo stesso ne accelera il riscaldamento. 
Martedì con noi c'era Alessandra, giovane runner milanese di passaggio per le vacanze e in preparazione della sua prima maratona. Uno scambio di esperienze, un'ora di sport insieme, tante cose da raccontarsi e l'augurio di una nuova amicizia.
Tra dieci giorni si parte per Klaghenfurth ... Nessuna ambizione di tempi, solo il piacere di un week end diverso e la voglia di correre in compagnia. L'obiettivo sarà quello della mia prima mezza: arrivare al traguardo. 
E' stato un anno ricco di successi: da settembre a maggio 2 maratone e 5 mezze maratone, un po' di relax non può fare male. Lo dico per giustificarmi: perché avrei voluto fare meglio, perché in realtà mi sono goduta un po' di pausa dopo un anno che definirei "complicato" (sport a parte), perché sto già pensando di abbandonare a breve i ritmi molli dell'estate per ricominciare ad impegnarmi più seriamente e perché, soprattutto, c'è la mia terza maratona che mi aspetta.